Ue-Cina - Bruxelles apre riesame su dumping ceramica

 

In vista della scadenza dei dazi antidumping sulle piastrelle di ceramica made in China, la Commissione intende escludere ogni rischio di concorrenza sleale nei confronti dell'industria Ue.

Ceramic tiles - Photo credit: chefranden via Foter.com / CC BY

Acciaio - impegno da G20, Cina inclusa, a ridurre sovraccapacita'

Acciaio – Cina e Russia, in vigore dazi Ue antidumping

Alla luce della scadenza, fissata per il 15 settembre, delle misure antidumping attualmente in vigore sulle importazioni di piastrelle di ceramica originarie della Cina, il 15 giugno scorso la Federazione europea dei produttori di piastrelle di ceramica, in rappresentanza di oltre il 25% della produzione totale Ue di tali prodotti, ha presentato alla Commissione europea una domanda di riesame sull'eventuale persistenza di pratiche commerciali sleali da parte di Pechino.

In particolare, la richiesta di riesame riguarda piastrelle e lastre da pavimentazione o da rivestimento, smaltate e non smaltate, di ceramica, cubi, tessere e articoli simili di ceramica smaltati e non smaltati, anche su supporto, provenienti dalla Repubblica Popolare Cinese. A motivare la richiesta, si legge sul documento, il fatto che "la scadenza delle misure implica il rischio di persistenza del dumping e di reiterazione del pregiudizio per l’industria dell’Unione".

Ue-Cina - disputa OMC su restrizioni export materie prime

In tale contesto, è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell'Ue del 13 settembre - ad appena 48 ore dalla scadenza delle misure - l'avviso di apertura del riesame da parte della Commissione Ue.  A questo punto, le parti coinvolte - quali i produttori dell’Unione, gli importatori, gli utilizzatori le loro associazioni rappresentative, oltre che le organizzazioni rappresentative dei consumatori - hanno 15 giorni per chiedere di essere sentite in audizione dai servizi della Commissione incaricati dell’inchiesta

Nel caso in cui venga confermato il rischio di persistenza o reiterazione del dumping e del pregiudizio, si legge ancora sul provvedimento, la Commissione deciderà, in conformità all’art. 21 del Regolamento di base, se la proroga delle misure antidumping sia contraria o meno all’interesse dell’Unione. 

Avviso di apertura riesame su Gazzetta ufficiale dell'Ue del 13-09-2016

Photo credit: chefranden via Foter.com / CC BY

Per leggere il contenuto prego
o