Italia-ASEAN - perche' investire nel Sud-est asiatico

 

La fine dei negoziati sull'accordo di libero scambio Ue-Vietnam avvicina ulteriormente l'Italia al promettente mercato dell'ASEAN, l'Associazione delle Nazioni del Sud-est asiatico.

ASEAN Flags - Photocredit asean.org

Iran - imprese italiane alla ricerca di opportunita' di business

Internazionalizzazione - imprese italiane alla scoperta della Corea del Sud

Accordo di libero scambio Ue-Vietnam

Si è concluso a dicembre 2015 il processo negoziale per la definizione dell'Accordo di libero scambio (Free Trade Agreement, FTA) tra Unione europea e Vietnam. 

L'accordo commerciale prevede lo sblocco di un mercato, quello vietnamita, con un potenziale enorme per le imprese europee e contribuisce alla transizione del Paese sud-est asiatico verso un'economia più competitiva, intelligente e verde. L'FTA permetterà, inoltre, di innescare una nuova ondata di investimenti di alta qualità in entrambe le direzioni.

Basato su un precedente Accordo di Partenariato e Cooperazione (APC) tra Bruxelles e Hanoi (attualmente in fase di ratifica), l'accordo di libero scambio rafforzerà ulteriormente le relazioni tra le due economie. Il Vietnam ha, inoltre, deciso di accettare il nuovo approccio dell'Ue in materia di protezione degli investimenti, in particolare un sistema permanente di risoluzione delle controversie con un meccanismo di appello.

Dopo l'intesa commerciale siglata nel 2014 con Singapore, ha commentato la Commissione europea al momento della conclusione dei negoziati, l'accordo col Vietnam fornisce "un'ulteriore prova dell'impegno dell'Unione a favore del Sud-est asiatico" e rappresenta "un importante passo in avanti verso un futuro accordo di libero scambio a livello regionale tra Ue e ASEAN, l'Associazione delle Nazioni del Sud-est asiatico".

TTIP - Ue e USA a lavoro su accordo per commercio e investimenti

ASEAN: cos'è e chi ne fa parte

L'ASEAN (Association of South-East Asian Nations, Associazione delle Nazioni del Sud-est asiatico) è una organizzazione politica, economica e culturale di Paesi localizzati nella regione sud-est asiatica.

Fondata nel 1967 al fine di promuovere la cooperazione e l'assistenza reciproca fra i diversi Stati dell'area, accelerare il progresso economico e aumentare la stabilità della regione, l'Associazione conta attualmente 10 Paesi membri: Birmania, Brunei, Cambogia, Filippine, Indonesia, Laos, Malesia, Singapore, Thailandia e Vietnam.

Interscambio Ue-ASEAN

Nel complesso l'ASEAN rappresenta il terzo maggior partner commerciale dell'Unione europea al di fuori dell'Europa, dopo Stati Uniti e Cina, con più di 235 miliardi di euro di scambi di beni e servizi registrati nel 2013. L'Ue è, dal canto suo, il terzo maggiore partner commerciale dell'Associazione, dopo la Cina e il Giappone, con una quota del 13% del commercio totale.

L'Unione è di gran lunga il maggiore investitore nei paesi dell'ASEAN. Basti pensare che le imprese comunitarie, nel periodo 2006-2013, hanno investito in media 14,8 miliardi di euro all'anno nella regione del Sud-est asiatico.

Le principali esportazioni dell'Ue verso l'ASEAN sono rappresentate da:

  • prodotti chimici,
  • macchinari,
  • mezzi di trasporto.

I principali prodotti esportati dall'ASEAN verso l'Ue sono:

  • macchinari e mezzi di trasporto,
  • prodotti agricoli,
  • prodotti tessili e abbigliamento.

AIIB - al via operazioni Banca asiatica per infrastrutture

Made in Italy e presenza imprese italiane in ASEAN

Da un recente rapporto Istat sul commercio extra-Ue risulta che, nel 2014, le esportazioni di prodotti e servizi italiani verso i Paesi dell'ASEAN sono salite del 5,1%. Anche sul fronte dell'import di prodotti e servizi, nel 2014 si è registrato con i Paesi del Sud-est asiatico un incremento del 5,3%.

Per quanto riguarda la presenza di imprese italiane nei Paesi dell'ASEAN il dato è di 420 unità su circa 30mila aziende italiane all’estero. Si tratta di società concentrate per un 25% a Singapore, ma anche in Indonesia e Malesia.

Per numero di aziende presenti sul territorio, la Lombardia risulta in cima alla classifica delle Regioni italiane, con un interscambio commerciale con i paesi dell’ASEAN che nel 2015 ha toccato quota 5,2 miliardi di euro.

Infrastrutture - cooperazione Italia-Cina su investimenti e commercio

Con l'obiettivo di rafforzare il dialogo, la conoscenza e gli scambi tra l'Italia e i Paesi del Sud-est asiatico è nata nel 2015 l’Associazione Italia-Asean. Presieduta dall'ex premier ed ex ministro dell’Industria Enrico Letta, l'associazione promuove eventi, convegni e iniziative editoriali per far conoscere alle imprese italiane il mercato dell'ASEAN, che il presidente di Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza Gianfelice Rocca ha recentemente definito “un protagonista indiscusso dell’economia globale”, oltre che "uno dei partner centrali della politica commerciale europea e di grande rilevanza per l'Italia, in termini di investimenti esteri, occupazione e interscambio commerciale".

Per leggere il contenuto prego
o