Aiuti di Stato - consultazione Ue su esenzioni per porti e aeroporti

 

Aperta fino al 30 maggio 2016 la consultazione pubblica sull'opportunità di includere le esenzioni per porti e aeroporti nel GBER

aiuti di stato

> Aiuti di Stato - Commissione Ue, ok finanziamenti a Poste Italiane

> Aiuti di Stato - Commissione Ue, ok piani risoluzione banche italiane

Regolamento generale di esenzione (GBER)

Il regolamento n. 651-2014 che dichiara alcune categorie di aiuti compatibili con il mercato interno in applicazione degli articoli 107 e 108 del TFUE (regolamento generale di esenzione - GBER) mira a semplificare l’implementazione della legislazione sugli aiuti di Stato, riducendo i costi amministrativi e velocizzando la realizzazione dei progetti.

Il regolamento rientra nell’ambito dell'iniziativa per la modernizzazione degli aiuti di Stato (SAM), destinata ad agevolare il trattamento degli aiuti di Stato ben concepiti, stimolando al contempo una maggiore crescita nel mercato interno.

> Aiuti di Stato - liquidazione BRC in linea con norme Ue

La roadmap Ue

La Commissione Ue ha definito una roadmap per includere nel regolamento anche le disposizioni di esenzione per porti e aeroporti; in questo modo gli Stati membri non dovrebbero più inviare notifiche alla Commissione Ue per alcuni degli aiuti destinati a questi settori e aspettarne l'approvazione.

> Riforma PA - Porti, 15 Autorita’ e via agli sportelli unici

Tra le tappe previste dalla roadmap c’è una consultazione pubblica volta a raccogliere le opinioni di cittadini, organizzazioni e autorità pubbliche sull’inclusione delle esenzioni per porti e aeroporti nel regolamento n. 651-2014.

I contributi possono essere inviati fino al 30 maggio 2016; i pareri ricevuti dalla Commissione Ue saranno presi in considerazione per la revisione del regolamento.

Photo credit: archer10 (Dennis) (66M Views) via Foter.com / CC BY-SA

Per leggere il contenuto prego
o