Agroalimentare - convenzione Mipaaf-ICE per promozione Made in Italy

 

L'intesa prevede la realizzazione di interventi a valere su uno Fondo da 6 milioni di euro per l'internazionalizzazione dell'agrifood

Agroalimentare

> Voucher internazionalizzazione - contributi MISE ad altre 169 imprese
> Decreto Sblocca Italia: Piano 2015 per il rilancio del Made in Italy

Registrata alla Corte dei Conti la convenzione tra il Ministero delle Politiche agricole e l'ICE-Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane per la gestione del Fondo da 6 milioni di euro dedicato all'agroalimentare Made in Italy. Usa e Canada sono i mercati target dei primi interventi.

Promozione dell'agrifood Made in Italy

Il decreto-legge n. 133-2014, più noto come Sblocca Italia, ha previsto un Piano per la promozione del Made in Italy e l'attrazione degli investimenti esteri, poi adottato nel marzo 2015 con decreto dei Ministeri degli Esteri, dello Sviluppo economico e delle Politiche agricole.

Per l'attuazione del Piano in ambito agroalimentare, la legge di Stabilità 2015 ha istituito un Fondo con una dotazione iniziale di 6 milioni di euro, così distribuiti:

  • 3 milioni di euro per la valorizzazione delle produzioni di eccellenza e la tutela all'estero dei marchi e delle certificazioni di qualità e di origine delle imprese e dei prodotti,
  • un milione di euro per il sostegno alla penetrazione dei prodotti italiani nei diversi mercati,
  • un milione di euro per la realizzazione di un segno distintivo unico per le iniziative di promozione all'estero delle produzioni agroalimentari italiane,
  • un milione di euro per la realizzazione di campagne di promozione strategica nei mercati più rilevanti e per il contrasto al fenomeno dell'Italian Sounding.

Convenzione Mipaaf-ICE, priorità a mercati Usa e Canada

L'attuazione degli interventi per migliorare l'export dei prodotti agroalimentari italiani e proteggerli dalla contraffazione è stata affidata all'ICE, l'Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane.

La convenzione tra l'Agenzia e il Mipaaf, approvata a dicembre e valida fino al 30 giugno 2017, è stata registrata nei giorni scorsi presso la Corte dei Conti ed entra ora nel vivo con l'attivazione dei primi due interventi.

Il primo, già anticipato dall'ex viceministro allo Sviluppo economico Carlo Calenda a dicembre, mira a diffondere l'agrifood italiano negli Stati Uniti e prevede azioni nei punti vendita, maggiore presenza sulle piattaforme di e-commerce, degustazioni e altre attività di valorizzazione delle Dop e Igp.

I dettagli per quanto riguarda gli eventi di degustazione non sono ancora stati definiti, ma la realizzazione è prevista tra ottobre 2016 e giugno 2017, mentre tra maggio e novembre di quest'anno l'ICE organizzerà workshop, incontri B2B e missioni di incoming di giornalisti e buyer, che potranno anche coincidere con manifestazioni fieristiche.

A questo progetto si aggiunge un piano dedicato al mercato del Canada, che coinvolgerà le principali città, da Montreal a Vancouver.

Gli obiettivi riguardano soprattutto la valorizzazione delle produzioni italiane di eccellenza e il consolidamento della presenza dell'agrifood Made in Italy nella grande distribuzione organizzata e nella ristorazione.

Anche in questo caso sono previsti incontri B2B e attività di networking, in particolare in occasione della fiera CIBUS di Parma e del Sana di Bologna 2016.

Author: Turismo Emilia Romagna / photo on flickr

Per leggere il contenuto prego
o