Internazionalizzazione - Iran, opportunita' per imprese e banche

 

Scopo della missione è promuovere più strette relazioni economiche, commerciali e finanziarie tra Italia e Iran

Iran - photocredit Adam Jones

Si è conclusa la missione del sistema bancario, imprenditoriale e istituzionale italiano in Iran per promuovere le relazioni tra i due Paesi, dopo la firma dell'accordo sul nucleare (Piano d'azione congiunto globale, Joint Comprehensive Plan of Action-JCPOA) dello scorso 14 luglio.

La due giorni di lavori, promossa da ABI, Confindustria, Governo e Agenzia ICE, si è aperta con il Forum Italia-Iran, alla presenza dei rappresentanti delle principali istituzioni dei due Paesi. Al forum sono poi seguite riunioni e sessioni di approfondimento settoriale e incontri tra imprese italiane e controparti locali.

Imprese: focus su rinnovabili, meccanica, medicale, edilizia e automotive 

Dal punto di vista imprenditoriale, la missione ha avuto un carattere plurisettoriale, con focus specifico su singoli settori:

Ambiente ed energie rinnovabili

Il governo di Teheran ha indicato le energie rinnovabili e l'ambiente tra i settori di massima priorità in una prospettiva di medio termine. Con particolare riferimento all'energia da fonti solari e geotermiche, le autorità iraniane intendono sperimentare alcune soluzioni operative gestionali di tipo Build Operate Transfer (BOT), Buy Back Agreement (BBA) e assimilabili, per poi replicarle e diffonderle su tutto il territorio.

Meccanica

Per il settore della meccanica, particolare interesse è rivolto alle macchine per l'agricoltura e a quelle per la lavorazione del marmo, delle materie plastiche, dei metalli, della ceramica, del legno, del cuoio e delle calzature. La progressiva riduzione delle sanzioni contribuirà, in tale settore, al contrasto della concorrenza dei prodotti asiatici, in particolari cinesi e coreani.

Apparecchiature medicali

Con un valore stimato nel 2013 in 832,5 milioni di dollari, il mercato iraniano delle apparecchiature e attrezzature medicali dipende per il 90% dalle importazioni. Con riferimento a questo comparto, la riduzione delle sanzioni permetterà al Governo iraniano di avere la disponibilità finanziaria necessaria all'aumento della spesa procapite, oggi molto bassa.

Edilizia e infrastrutture

L'edilizia è uno dei settori economici principali dell'Iran per via dell'alto tasso di crescita e della struttura demografica della popolazione, che si stima raggiungerà i 100 milioni di abitanti nel 2050. In tale contesto l'Iran necessita di nuovi e moderni alloggi e adeguate infrastrutture urbane.

Automotive

Quello dell'automotive in Iran è considerato il mercato più promettente dopo quelli dei BRICS (Brasile, Russia, Iran, Cina, Sudafrica), poiché la gran parte della popolazione è priva di auto o ne possiede una di almeno vent'anni. Il Paese offre quindi grandi opportunità per i gruppi automobilistici occidentali. Altrettanto promettente è la richiesta di metanizzazione per taxi e bus.

Banche: accordi tra SACE e sistema iraniano

La missione è stata l'occasione per promuovere una maggiore sinergia tra sistema bancario italiano e iraniano. Obiettivo principale, in tal senso, è stato quello di “fare il punto sullo stato delle relazioni interbancarie, esaminare congiuntamente come migliorare la collaborazione già in essere e aggiornarci reciprocamente sull'assetto delle nostre rispettive industrie finanziarie”, ha spiegato il vicepresidente dell’ABI Guido Rosa.

Nel corso della missione, il gruppo assicurativo-finanziario attivo nell'export credit SACE ha firmato tre accordi di collaborazione con le principali banche private iraniane - Bank Pasargad, Bank Parsian e Saman Bank - al fine di facilitare una più rapida ed efficace ripresa dell’interscambio e degli investimenti italiani nel Paese, una volta raggiunto il traguardo dell’Implementation day, e cioè della piena attuazione dei principali impegni assunti dall’Iran nel quadro del JCPOA.

Nello specifico, gli accordi intendono attivare collaborazioni, compatibilmente con la regolamentazione applicabile e il ripristino del sistema dei pagamenti, per identificare progetti di breve e medio-lungo termine di mutuo interesse e sviluppare le strutture assicurativo-finanziarie più adatte a supportarli. 

Link
Internazionalizzazione - accordo SACE-Banco de Chile per promuovere export e investimenti

Photocredit: Adam Jones

Per leggere il contenuto prego
o