Sviluppo economico locale - terzo Forum Mondiale, promuovere agenda post 2015

 

3rd World Forum of Local Economic Development

Promuovere lo sviluppo economico locale come mezzo per attuare la futura agenda globale e favorire la condivisione di buone pratiche per la governance locale in vista di uno sviluppo sociale, ambientale e economico sostenibile. Questo l'obiettivo del terzo Forum Modiale dello Sviluppo Economico Locale, che si è svolto a Torino dal 13 al 16 ottobre 2015.

Contesto: il Forum

Il primo Forum Mondiale dello Sviluppo Economico Locale, focalizzato su “Progettazione, economia e governance locale: nuovi sguardi per i tempi che cambiano", si è svolto a Siviglia, in Spagna, nell'ottobre 2011. In quella occasione furono presentate le esperienze territoriali di 47 Paesi del mondo, unite dalla capacità di colmare il divario tra il concetto teorico di sviluppo economico locale e la sua applicazione concreta per lo sviluppo umano sostenibile.

Due anni più tardi, nell’ottobre 2013, si è svolto a Foz do Iguaçu, in Brasile, il secondo Forum Mondiale dello Sviluppo Economico Locale, incentrato sul tema “Dialogo tra i territori: nuove conoscenze sullo sviluppo economico locale”. L'evento ha visto la partecipazione di autorità locali, regionali e nazionali, rappresentanti di organizzazioni multilaterali, università e istituzioni della cooperazione internazionale, reti e attori sociali ed economici, provenienti da 67 Paesi del mondo. E' Durante la plenaria finale della seconda edizione dell'evento che si è deciso di accogliere la candidatura della Città di Torino come sede del Terzo Forum, nell’ottobre 2015, in concomitanza con Expo 2015 di Milano.

Torino ospita il terzo Forum Mondiale dello Sviluppo Economico Locale

Il terzo Forum Mondiale dello Sviluppo Economico Locale, si è svolto nel capoluogo piemontese dal 13 al 16 ottobre, promosso dalla Città di Torino, dalla Città Metropolitana di Torino, dall'Unione delle Città e dei Governi Locali (UCLGì), dal Comitato sullo Sviluppo Economico Locale, dal Fondo Andaluso delle Municipalità per la Solidarietà Internazionale (FAMSI), dall'Organizzazione delle Regioni Unite (ORU FOGAR), dal Servizio Brasiliano di Supporto per le Piccole e Micro Imprese (SEBRAE), dall'Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) e dal Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP).

L'edizione 2015 ha posto particolare attenzione su tre obiettivi specifici:

  • promozione del dialogo globale sullo sviluppo economico locale attraverso la partecipazione, la condivisione di informazioni e lo scambio tra attori provenienti da tutti i Paesi del mondo,
  • messa a sistema di esperienze riconosciute come buone pratiche,
  • sensibilizzazione dei governi in vista dell'adozione di politiche che concretizzino, a livello locale, la futura agenda post 2015 delle Nazioni Unite.

L'evento ha visto la partecipazione di circa duemila protagonisti, tra rappresentanti di PA, organizzazioni multilaterali, università, istituzioni della cooperazione internazionale, reti e attori sociali, provenienti da oltre 70 Paesi del mondo e oltre 300 sindaci.

"Viviamo in un mondo nel quale ciò che accade in ogni territorio, in ogni comunità, in ogni città influenza ogni giorno i destini del pianeta”, ha detto il sindaco di Torino e presidente dell'ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) Piero Fassino intervenendo al Forum. L’esito della globalizzazione si realizza su scala locale, ha continuato, ciò "ci carica di particolari responsabilità e oggi nelle città e nelle comunità locali si stanno già praticando esperienze di sostenibilità che, grazie a questo forum, potranno essere estese e generalizzate".

Ha partecipato all'evento anche il Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki Moon, che nel suo intervento ha sottolineato "la necessità che i governi e le autorità locali vigilino". Rivolgendosi direttamente alle autorità presenti, Bank Ki Moon ha detto: “Non lasciate che le politiche siano solo parole, qualcosa che vale solo per gli altri: guidate i vostri cittadini dando l’esempio”.

Link
MISE - finanziamenti per Agroindustria, H2020, ICT e Industria sostenibile
MISE - garanzia su anticipazioni bandi Fondo Crescita Sostenibile-FCS

MISE-Invitalia - Contratto di sviluppo per riconversione industriale in Puglia e Calabria

Per leggere il contenuto prego
o