Macroregione Adriatico-Ionica: progetto NEXT per accesso a fondi Ue

 

Author: Ars Electronica / photo on flickr Una piattaforma dedicata a imprese innovative e centri di ricerca della macroregione Adriatico-Ionica. Si chiama NEXT ed è il progetto della Regione Marche e di altri dieci partner dell'area per favorire la collaborazione internazionale e l'accesso ai fondi Ue.

Macroregione Adriatico-Ionica

Terza macroregione dopo la Baltica e la Danubiana, l'Adriatico-Ionica è la prima a coinvolgere lo stesso numero di Stati membri e di Paesi extra Ue: da una parte, Croazia, Grecia, Italia e Slovenia; dall'altra, Albania, Bosnia-Erzegovina, Montenegro e Serbia.

La strategia per la macroregione, adottata nel novembre 2012 dalla Commissione europea e oggetto di una consultazione pubblica tra settembre a dicembre 2013, ha ricevuto a fine ottobre il via libera del Consiglio europeo ed è stata lanciata ufficialmente a novembre, con un evento organizzato a Bruxelles dalla presidenza italiana dell'Ue.

Gli interventi relativi ai quattro pilastri della strategia:

  • crescita blu,
  • connettività,
  • tutela ambientale,
  • turismo sostenibile,

potranno essere finanziati da fondi nazionali, della politica di coesione europea e dagli strumenti pre-adesione.

NEXT

In questo quadro, ha spiegato in conferenza stampa l’assessore alle Attività produttive Sara Giannini, la Regione Marche, capofila dell'iniziativa, insieme a dieci partner di sei Paesi della macroregione (Albania, Bosnia-Herzegovina, Croazia, Montenegro, Italia e Serbia), ha sviluppato il progetto NEXT.

L'obiettivo è facilitare “la collaborazione internazionale delle imprese, anche piccole, e la fruizione degli ingenti fondi europei gestiti dalla Commissione Ue”.

Attraverso una tecnologia in grado di sfruttare al massimo i “big data”, NEXT mette a infatti disposizione una serie di informazioni in formato aperto sul mondo della ricerca applicata e sull'imprenditoria innovativa nei territori della macroregione Adriatico-Ionica, così da aiutare le imprese a incontrarsi e a collaborare e dare loro visibilità rispetto a potenziali investitori.

Nella piattaforma sono già presenti:

  • 814 progetti, di cui 31 macroregionali,
  • 3.086 brevetti di cui 82 macroregionali;
  • 839 attori dell’innovazione, di cui 109 operativi nella macroregione;
  • 17 investitori privati interessati a finanziare start-up e progetti innovativi macroregionali;
  • 10 servizi informativi per migliorare l'internazionalizzazione nell’area.

NEXT fornisce informazioni anche sulle potenzialità di mercato dei paesi della macroregione Adriatico-Ionica, sui programmi di finanziamento pubblico e sulle opportunità del mercato degli acquisti pubblici e privati e prevede un servizio di geolocalizzazione degli attori dell’innovazione presenti sul territorio.

Insieme alla piattaforma, disponibile anche su tablet e smartphone, nell'ambito del progetto sono stati lanciati anche un blog e dei canali social su Facebook, Twitter, LinkedIn e Youtube.

Per diffondere la conoscenza dell'iniziativa sul territorio regionale sono già previsti anche quattro road show: al primo, a Civitanova Marche venerdì 16, seguiranno, tra gennaio e febbraio, gli appuntamenti di Pesaro, Ancona e Ascoli Piceno. Un evento conclusivo sarà poi organizzato ad Ancona, per permettere ai soggetti promotori dei migliori progetti di incontrare investitori internazionali.

Photo credit: Ars Electronica / Foter / CC BY-NC-ND

Per leggere il contenuto prego
o