Salute: Mobile Health, priorita' sicurezza e privacy

 

NEC-Medical-51Sicurezza sul web e tutela della privacy. Sono alcune delle priorità individuate dagli stakeholder che hanno partecipato alla consultazione pubblica sulla sanità mobile (mHealth) conclusasi il 3 luglio 2014.

La consultazione è stata lanciata lo scorso aprile dalla Commissione europea per raccogliere proposte su come migliorare la salute e il benessere dei cittadini europei utilizzando applicazioni installate su telefoni cellulari, tablet, dispositivi per il monitoraggio dei pazienti e altri apparecchi wireless.

In totale, sono state raccolte 211 proposte provenienti da organizzazioni dei pazienti, autorità pubbliche, aziende ospedaliere e imprenditori del web. Il maggior numero di proposte è stato presentato da attori residenti in Belgio, Regno Unito, Germania, Francia, Spagna e Italia.

Le risposte pervenute individuano tra le principali priorità il miglioramento della protezione dei dati e della sicurezza sul web, per tutelare al meglio le informazioni dei pazienti.

Circa la metà dei partecipanti ha inoltre chiesto maggiore trasparenza informativa sui certificati e sulle app utilizzate sui dispositivi elettronici. Gli imprenditori del web, invece, hanno sottolineato le difficoltà nell’accesso al mercato, a causa della mancanza di un quadro normativo chiaro in materia di mHealth.

I partecipanti hanno anche presentato alcune raccomandazioni:

  • adottare misure a livello europeo e nazionale per garantire l'interoperabilità dei servizi di mHealth,
  • coinvolgere i professionisti del settore sanitario nella realizzazione di tali servizi.

Nel corso del 2015 la Commissione discuterà con gli stakeholder per decidere gli interventi da adottare in Europa in questo settore. La sanità mobile sarà protagonista anche dell’eHealth week in programma a maggio a Riga.

Links
Esiti consultazione pubblica

Photo credit: NEC Corporation of America / Foter / CC BY

Per leggere il contenuto prego
o