Ricerca: EuroRIs-Net+, il progetto Ue per una ricerca di qualità

 

RicercaInnovazione e conoscenza dipendono dalla qualità delle infrastrutture disponibili per la ricerca. A rivelarlo il progetto europeo EuroRIs-Net+, cui ha aderito anche l’Italia.

EuroRIs-Net+, lanciato nel 2011 e conclusosi lo scorso settembre, promuove la cooperazione transnazionale tra i centri di ricerca europei attraverso il Network of National Contact Points for the Research Infrastructures programme (RIs NCPs).

Obiettivo del Network è facilitare la cooperazione tra i centri di ricerca dell’Ue, grazie a:

  • la diffusione di informazioni, conoscenze e buone pratiche tra i membri del Network;
  • la mobilità dei ricercatori europei.
  • la creazione di un Osservatorio che valuti il lavoro svolto dal Network e dai centri di ricerca.

L’Osservatorio raccoglie anche informazioni e dati sui centri di ricerca che aderiscono al Network, rappresentando un valido punto di riferimento tanto per la comunità scientifica quanto per i policy-makers interessati alle ultime novità nella ricerca.

Il progetto è stato finanziato dall’Ue nell’ambito del 7° Programma quadro per la ricerca (7PQ) con 1.199.043 euro. I partner del progetto sono: Grecia, Bulgaria, Francia, Spagna, Montenegro, Romania, Italia, Turchia, Sud Africa, Polonia, Israele, Malta, Austria, Belgio, Svizzera, Ungheria.

Sebbene il progetto sia terminato, i risultati raggiunti potranno essere utilizzati e integrati nell’ambito di Horizon 2020.

Links
EuroRIs-Net+

Per leggere il contenuto prego
o